ago 312013
 
Numero visite :25239


Er Nasone
 

Er  nasone

Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,

la faccia cor beccuccio a pennolone,

pe l’artri fontanella, sei “er Nasone”,

dijelo ar cane, che te crede ’n cesso.

 

Hai dissetato ‘n botto de persone,

sputato l’acqua, pure che ‘n eccesso,

tant’è che a ripensacce bene adesso,

“chi cacchio avrà pagato, Pantalone?!?”

 

Ma che tristezza, mo’, a sapette chiusa,

là, sola, su a l’incrocio, ‘n fonno ar viale,

manco er fioraio più, de te, se usa.

Prodiggio der progresso nazzionale,

t’hanno piombata, come ‘na reclusa,

pe’ daje spazzio a l’acqua minerale.

Stefano Agostino

Fonte:  Roma in Rima – Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino