ago 032012
 
Numero visite :1235

 

Ninetta mia, che  callo che fa’

‘n afa così nun maa posso scordà!

Prima viè Caronte

che ce fa’ le braghe onte,

doppo Minosse

che ce secca l’osse,

Ulisse ce se mette de buzzo

che d’ar sudore puzzo.

Me pensavo che mo’

rinfrescasse un po’

e ‘nvece co ‘n corpo de mano

eccolo qua: er Dragone Aficano!!

 Ma allora ditelo, ce volete lessà

rinsecchicce tutti e facce crepà.

Ma io so’ furbo, Nì  e li frego tutti:

me tappo l’orecchie de prosciutti

così so’ contento

e ‘sti callacci nun li sento!!

E tu, bella mia viè ecco

che er callo lo stecco!

Accostamo le persiane e nell’oscurità

c’avemo ‘na cosa da gustà:

mici mici se rifamo la boccuccia

caa grattachecca daa Sora Mariuccia!!

Tiè!

er Nando