ago 312013
 
Numero visite :25239


Er Nasone
 

Er  nasone

Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,

la faccia cor beccuccio a pennolone,

pe l’artri fontanella, sei “er Nasone”,

dijelo ar cane, che te crede ’n cesso.

 

Hai dissetato ‘n botto de persone,

sputato l’acqua, pure che ‘n eccesso,

tant’è che a ripensacce bene adesso,

“chi cacchio avrà pagato, Pantalone?!?”

 

Ma che tristezza, mo’, a sapette chiusa,

là, sola, su a l’incrocio, ‘n fonno ar viale,

manco er fioraio più, de te, se usa.

Prodiggio der progresso nazzionale,

t’hanno piombata, come ‘na reclusa,

pe’ daje spazzio a l’acqua minerale.

Stefano Agostino

Fonte:  Roma in Rima – Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

mar 022013
 
Numero visite :31948

Per augurarvi un buon weekend vi propongo questa mia personale interpretazione della celebre poesia del D’Annunzio “La pioggia sul pineto” tradotta con Google Translate.

Di seguito al video troverete il testo tradotto e sotto ancora il testo originale.

Buon divertimento e sane risate!!!

Nando :-)

 

Musica di introduzione:
“Flower” A reflective and warm introduction featuring acoustic piano leads to an introspective and contemplative mood.
Composer: Orlando Lanzini Album: Dreamland – mfv010. Link:

link di download


LA PIOGGIA SUL PINETO

Silenziosamente.

Su le Soglie del legno non Odo detto Che Umane paroles, Continue reading »

ott 072012
 
Numero visite :1799

 

Pe’ conclude ‘sta domenica ve posto ‘na poesia dell’Amico mio Sergio, pe’ fasse du’ risate ma pure pe’ riflette!!

Grazie Sergio!

Votre Ila :-)

 

Er Troll

Ce sta ‘n fregnone, che se crede fico, 
che rompe li coijoni a tutti quanti,
e persino su’ madre ner vedello
de subito penzò:” ‘mmazza che schifo”

Annò ‘n cucina pe se mette i guanti
pe’ nun toccà co ‘e mani ’sta schifezza,
(che c’ha la merda ar posto der cervello)
e lo gettò ner sacco d’a monnezza
(…e fece sentì zozzo pure quello.)

Se sarvò. Nun se sa com’è successo,
ma è certo che l’ignaro salvatore
se potesse vedè che cosa è adesso
se sentirebbe strignere ner core,
e vorrebbe gettarlo giù ner cesso.

Se diverte a scoccià le mejo donne
che c’hanno un blogghe ricco de dorcezza
e le tempesta co’ parole immonde,
sto’ sacco pieno solo de monnezza.

E spruzza la sua bile all’avvilita
blogger che innanzi a lui tace o protesta
pe’ la su’ prosa sporca e scimunita.
Lercia com’er cervello che c’ha ‘n testa.

E nun se renne conto st’infelice
che se volesse fa’ ‘na cosa bella
l’unica bella in tutta la su’ vita…
che se sparasse co’ na rivoltella!

Sergio Bertoni

http://sergioberto.blog.tiscali.it

ago 192012
 
Numero visite :3891

Bona Domenica co’ ‘sta chicca der Grande Aldo Fabrizi!

Ilari

LA ROMANELLA
Aldo Fabrizi

Mì nonna, benedetta indó riposa,
se comportava come ‘na formica
e puro si avanzava ‘na mollica
l’utilizzava per un’antra cosa.

Perciò er dovere primo d’ogni sposa,
pure che costa un’oncia de fatica,
è d’esse sempre, a la maniera antica,
risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

Si avanza un po’ de pasta, mai buttalla:
se sarta co’ un po’ d’acqua solamente,
pe’ falla abbruscolì senz’abbrucialla.

E la riuscita de ‘sta Romanella
che fa faville e che nun costa gnente
dipenne da ‘na semplice padella.

Mò l’urtima invenzione è ‘na padella,
che quello che se còce poi se stacca,
mastice, colla, pece e ceralacca,
se rivorteno come ‘na frittella.

‘Sta novità sarà ‘na cosa bella,
ma dato che la Pasta nun attacca
in pratica sarebbe ‘na patacca
perché dev’esse mezz’abbruscatella.

Vedete, er gusto nun dipenne mica
dar fatto che diventa più odorosa,
ma dar sapore de padella antica.

E detto questo, porca la miseria,
fò a meno de la chiusa spiritosa,
perché ‘sto piatto qui è ‘na cosa seria!

ago 032012
 
Numero visite :1244

 

Ninetta mia, che  callo che fa’

‘n afa così nun maa posso scordà!

Prima viè Caronte

che ce fa’ le braghe onte,

doppo Minosse

che ce secca l’osse,

Ulisse ce se mette de buzzo

che d’ar sudore puzzo.

Me pensavo che mo’

rinfrescasse un po’

e ‘nvece co ‘n corpo de mano

eccolo qua: er Dragone Aficano!!

 Ma allora ditelo, ce volete lessà

rinsecchicce tutti e facce crepà.

Ma io so’ furbo, Nì  e li frego tutti:

me tappo l’orecchie de prosciutti

così so’ contento

e ‘sti callacci nun li sento!!

E tu, bella mia viè ecco

che er callo lo stecco!

Accostamo le persiane e nell’oscurità

c’avemo ‘na cosa da gustà:

mici mici se rifamo la boccuccia

caa grattachecca daa Sora Mariuccia!!

Tiè!

er Nando

mag 052012
 
Numero visite :5879

 

Divertente video sulla celebre poesia del Manzoni Il 5 maggio in versione rap. La voce è  quella di Theodore, il noto Chipmunk  di “Alvin & the Chipmunks”.

Buon divertimento!!!




Ei fu. As property,
given the mortal breath,
remained oblivious to the bare
eyed from time to breath,
well beaten, stunned
the land is to the nuncio,
thinking about the last changes
UoM fatal hour;
no one knows when such a
foot footprint of death
its bloody dust
will be to trample on.
Striking him in the diesel oil
saw my genius, and was silent;
when, instead constant,
fell, and lay resources,
a thousand voices to Sonito
its not mixed:
maiden servant of commendation
and cowardly outrage,
rises immediately or moved to
disappear from time to haul;
and loosens the urn a song
maybe he will not die.
From the Alps to the Pyramids,
Manzanares from the Rhine,
the safe journey of the lightning
I held back the wildfire;
burst from the Tanais to Scylla,
from one to another in March
It was true glory? For posterity
will judge: nui
chiniam the front of the Maximum
Maker, who wanted him in
creator of his spirit
Štampar larger footprint.
The stormy and anxious
joy of a great design,
the anxiety of a heart that is intractable
serves, thinking the kingdom;
and comes and takes a prize
that it was madness to hope;
and tried all the glory
after the most danger,
the escape and victory,
the palace and the sad exile;
twice in the dust,
twice on the high.
He named it and, two centuries,
one against the other armed
subdued him turned,
As waiting fate;
fe and silence, and referee
he sat down among them.
It disappeared, and the day in idleness
closed in so short a bank,
sign of immense envy
and deep piety,
inestinguibil of hate
and an indomitable love.
As the head of the shipwrecked
s’avvolve and weighs the wave,
the wave on which the poor,
High and tight just now,
scorrea sight to discern
remote brave in vain;
The soul of such a combination
of memories came down.
Oh how many times to posterity
narrating himself businesses,
and sull’eterne pages
fell tired man!
Oh how many times, the tacit
one day die of inert
lie close to the rays of lightning,
sen folded her arms,
stood, and that day were
assailed the haunts!
And the thought of moving
tents, and struck the valleys,
Lightning and handpieces,
and the wave of horses,
and agitated empire
fast and obey.
Ouch! Perhaps much agony
fell the spirit yearn,
and despair, but valid
came a man from heaven,
and more breathable air
carried the pious;
and began, flourishing pei
path with the hope
the eternal fields, the premium
that advances the desires,
where silence and darkness
the glory that passed.
Beautiful Immortal! Beneficial
Faith triumphs accustomed to!
Write this one also, happy!
because prouder height
the dishonor of Golgotha
never can be bent.
You tired from the ashes
ria sperdi each word:
the God who inspires and lands,
that hurries and consoles
the deserted coltrice
next to him put down.

il testo inglese non è altro che la brutale traduzione dall’italiano tramite Google Translate :mrgreen:

L’originale:

Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio sta,
muta pensando all’ultima
ora dell’uom fatale;
né sa quando una simile
orma di piè mortale
la sua cruenta polvere
a calpestar verrà.
Lui folgorante in solio
vide il mio genio e tacque;
quando, con vece assidua,
cadde, risorse e giacque,
di mille voci al sònito
mista la sua non ha:
vergin di servo encomio
e di codardo oltraggio,
sorge or commosso al sùbito
sparir di tanto raggio;
e scioglie all’urna un cantico
che forse non morrà.
Dall’Alpi alle Piramidi,
dal Manzanarre al Reno,
di quel securo il fulmine
tenea dietro al baleno;
scoppiò da Scilla al Tanai,
dall’uno all’altro mar.
Fu vera gloria? Ai posteri
l’ardua sentenza: nui
chiniam la fronte al Massimo
Fattor, che volle in lui
del creator suo spirito
più vasta orma stampar.
La procellosa e trepida
gioia d’un gran disegno,
l’ansia d’un cor che indocile
serve, pensando al regno;
e il giunge, e tiene un premio
ch’era follia sperar;
tutto ei provò: la gloria
maggior dopo il periglio,
la fuga e la vittoria,
la reggia e il tristo esiglio;
due volte nella polvere,
due volte sull’altar.
Ei si nomò: due secoli,
l’un contro l’altro armato,
sommessi a lui si volsero,
come aspettando il fato;
ei fè silenzio, ed arbitro
s’assise in mezzo a lor.
E sparve, e i dì nell’ozio
chiuse in sì breve sponda,
segno d’immensa invidia
e di pietà profonda,
d’inestinguibil odio
e d’indomato amor.
Come sul capo al naufrago
l’onda s’avvolve e pesa,
l’onda su cui del misero,
alta pur dianzi e tesa,
scorrea la vista a scernere
prode remote invan;
tal su quell’alma il cumulo
delle memorie scese.
Oh quante volte ai posteri
narrar se stesso imprese,
e sull’eterne pagine
cadde la stanca man!
Oh quante volte, al tacito
morir d’un giorno inerte,
chinati i rai fulminei,
le braccia al sen conserte,
stette, e dei dì che furono
l’assalse il sovvenir!
E ripensò le mobili
tende, e i percossi valli,
e il lampo dè manipoli,
e l’onda dei cavalli,
e il concitato imperio
e il celere ubbidir.
Ahi! Forse a tanto strazio
cadde lo spirto anelo,
e disperò; ma valida
venne una man dal cielo,
e in più spirabil aere
pietosa il trasportò;
e l’avviò, pei floridi
sentier della speranza,
ai campi eterni, al premio
che i desideri avanza,
dov’è silenzio e tenebre
la gloria che passò.
Bella Immortal! Benefica
Fede ai trionfi avvezza!
Scrivi ancor questo, allegrati;
ché più superba altezza
al disonor del Gòlgota
giammai non si chinò.
Tu dalle stanche ceneri
sperdi ogni ria parola:
il Dio che atterra e suscita,
che affanna e che consola,
sulla deserta coltrice
accanto a lui posò.

feb 152012
 
Numero visite :2416

Mi presento amici, sono Ferdinando Balla, ma voi potete chiamarmi direttamente Er Nando. Ringrazio Ilari per avermi invitato a scrivere qui e per la stima dimostrata nello spronarmi a mettere su carta le mie poesie ed i miei scritti. Magari ne uscirà un libro, chissà! Questa che vi propongo è la prima poesia che ho scritto in assoluto. In molti non la comprenderanno, ne sono conscio, ma che volete, so’ ermetico! … e d’avanguardia!
Spero continuerete a seguirmi, buona serata a tutti!

er Nando

TI USCIRE DI QUI

Ti uscire di qui,
io credo in voi,
credo come tu mi fare in
Ti uscire di qui,
si può sempre contare su di me
Sempre tenendo fuori,
so che il tempo sembra essersi fermato
Ma presto andremo nella direzione della libertà
Una banda invisibile ..
Ci tiene insieme per sempre fisso
No spade, nessun fuoco potrà mai dividerci
Siamo fratelli, e fratelli sono per sempre
Ti uscire
Ti uscire di qui
Sempre tenendo fuori

Ferdinando Balla detto Er Nando

feb 152012
 
Numero visite :1276

M’è arrivata iersera per mail la prima composizione in assoluto sfornata dalla mente fervida del nostro nuovo amico. Tutta da gustare, parola per parola …

Vi lascio a lui e vi auguro una buona giornata!

Ila :-)

SENTIMMENTHAL

C’era una volta c’era una bellissima isola poco. Su questa isola sono stati tutti i sentimenti della gente a casa: L’umorismo e il bene, la tristezza e la solitudine, la felicità e la conoscenza e tutti i sentimenti di molti altri. Naturalmente, anche l’amore che vi abitano.

Un giorno, però, le sensazioni comunicate sorprendente che l’isola sarebbe lavandino. Quindi, tutte le loro navi preparato per mare, di lasciare l’isola. Solo l’amore avrebbe aspettato fino all’ultimo momento, perché era molto attaccati alla loro isola.

Prima che l’isola è affondata, l’amore degli altri ha chiesto aiuto.

Quando si lascia la ricchezza in una nave di lusso, l’isola, gli chiese l’amore, “la ricchezza, si può prendere con me?”

“No, non posso. Sulla mia barca ho un sacco di oro, argento e pietre preziose. Dato che non c’è spazio per te”.

Così ha chiesto l’amore della superbia che è venuto da su una splendida nave. “Orgoglio, ti prego, mi puoi portare?”

“Caro, non posso prendere”, rispose il fiero, “tutto è perfetto e tu potresti rovinare la mia barca bella”.

Quindi, chiedere l’amore del blues: “Tristezza, per favore portami con te”.

“Oh cara”, ha detto la tristezza, “Sono così triste che io devo essere solo.”

Quando il buon umore si allontanava, era così felice e rilassato che lei non sapeva nemmeno che l’amore piangeva.

All’improvviso una voce gridò: “Vieni Amore, ti porterò.”

L’amore era così grato e così felice che totalmente dimenticato di chiedere il suo salvatore, dopo il suo nome.

Più tardi, ha chiesto l’amore di conoscenza: “Sapendo che puoi forse dirmi chi era che mi ha aiutato?”

“Certo” rispose il sapere “, che era il momento.”

“Il Tempo?” domandò l’amore di sorpresa, “Perché il mio tempo per il sostegno?”

E conosco la risposta: “Dal tempo capisce solo l’importanza dell’amore nella vita”.

Ferdinando Balla detto Nando

ago 182011
 
Numero visite :1528

Cari Amici, nel clou della stagione estiva, dal mio luogo di vacanza, in Val Pusteria, non potevo non pensare a voi!!

In particolar modo a coloro i quali son tornati dalle ferie e stan sgobbando ansanti al proprio posto di lavoro.

Calda calda ecco per voi una nuova lirica scritta nell’ispanico idioma.

Per coloro i quali non conoscono l’ispanico, pongo tergo la tradutio e per la gioia degli amanti della lingua latina pure.

 

Un caro ed affettuoso saluto dal vostro

 

Ferdinando Balla, detto er Nando.

Verano

De repente, era verano.
Los verdes campos de trigo, que se cultiva y
llena durante las largas semanas de lluvia,
Comenzó a pintar,
brilló en cada campo de amapola
con su color rojo brillante.

El camino blanco, polvo estaba al rojo vivo,
de los bosques se vuelven más oscuras sonaba más exhausto,
llame más pesados ​​y penetrantes del cuco,
en los prados de las montañas, con sus tallos flexibles,
que sacudió las margaritas y esparceta,
arena y costras, todos los que ya están en plena floración
y el ansia febril, loco de la disipación
de acercarse a la muerte
la noche porque se sentía en los pueblos aquí y allá de forma clara,
Poda de advertencia implacable ganchos a la acción.

A pesar del calor sofocante de estos días, estoy muy a cabo.
Yo sé muy bien lo que esta belleza es efímera,
se despide tan rápido y estoy muy ansioso,
tan dispuesto a aceptar que esta belleza de verano!
Me gustaría verlo todo, tocarlo todo, el olfato y el gusto
todo lo que esta floración de verano ofrece,
Me gustaría mantener todo esto y mantenerlo para el invierno,
para días y años por venir, para la vejez.

En el jardín, la terraza, bajo el reloj de sol en la torre,
Me siento durante horas cada día, y con lápiz y pluma,
Dibujo con un pincel y los colores con precisión sombras de la mañana
en la escalera del jardín y las contorsiones de las serpientes grandes
Trato de jugar la glicina y los colores distantes, claro
las montañas al atardecer, diáfano como un suspiro
Sin embargo, brillan como joyas.

Después volver a casa cansado, muy cansado,
la noche y cuando me pongo mis hojas en la carpeta,
casi me da tristeza ver cómo poco de todo
Yo podría marcar y fijar, por mí.

Es una hermosa noche de verano.
Tome las casas de alta
balcones abiertos
el casco antiguo de la inmensa plaza.
En el desierto rectángulo grande
bancos de piedra, evónimo y acacias
esquema simétrico
las sombras de negro en la arena blanca.
En el cénit de la luna, y la torre
la esfera iluminada del reloj.
Yo camino en este viejo país vo
solo, como un fantasma.

Versione Latina per color che d’intelletto son padroni:

Aestiva Subito aestas esset. 
The virides campos tritici et creverunt 
implevit per weeks diu pluviae, 
Pingere coepit, 
affulsit omnis ager papaveris 
cum rubicundum colorem candidum. 

Album viam pulvere candens, 
tenebrosa nimis in silvis fiunt canere exhaustis 
Item de vocatione et pertingens cuculus, 
in pratis montium, at cum oritur, 
qui concussit et daisies sainfoin, 
harenarum atque scabs, quae iam sunt in plena flore 
febricitantibus et concupiscentia amens dissipatio 
adpropinquante morte 
quia passim in uicos nox clara, 
Immitem falces ad actionem admonitio. 

Quamvis tabefactum calore illos dies ex me. 
Satis scio quid est pulchritudo fugacis, 
sic cito sum sollicitus est dimissus, 
tam libenter accipio, quod aestate decor! 
Ut omnia videre, omnia tactu, odore et sapore 
floret aestate omnibus offers 
Volo ut servo is hiberna 
dies et annos, pro senectute. 

In paradiso autem sub SOLARIUM SOLARIUM super turrem 
Sedebo in horas cotidie et plumbum et calamum 
Cum subtiliter, haurientes dignissim mane tenebras et colorum 
de gradibus in horto magno contortions anguibus 
I try glycine ludo et sine coloribus, nimirum 
montes simul cum occasu solis, ut patet aura 
Sed lucent sicut monilia. 

Tunc taedet domum valde fatigati 
meum cum nocte, iaculis in folder, 
quasi tristes facit ad me omnia quam parum 
Figite me, et attende potui. 

Etiam eget odio ipsum. 
Take home altum 
patefacio Maenianis 
Vetus pars ingentem quadratum. 
Large rectangulum in deserto 
Lapis subsellia euonymus et acacias 
commensus exemplum 
nigrum in candida umbras harena. 
Per zenith lunae, et turrim 
area illustrati horologium. 
Vo ambulavero in vetere patria 
sicut spiritum.

ITALICA TRADUTIO:
EstateImprovvisamente era estate.
I campi verdi di grano ed è cresciuto
riempito da lunghe settimane di pioggia,
Iniziò a dipingere,
splendeva su di loro tutto il papavero di campo
bianco con colore rosso.

Album il modo di rovente polvere,
esausti a cantare nel bosco diventano più scure
Allo stesso modo, il richiamo del cuculo e piercing,
nei prati delle montagne, ma quando si nasce,
lupinella e margherite, che ha fatto tremare,
sabbia e graffi, che sono già in piena fioritura
pazza, la febbre, la concupiscenza della dissipazione di
all’avvicinarsi della morte
vari luoghi nei villaggi, perché le notti sono luminose,
Attenzione all’azione di spietata roncole.

Anche se il calore FUSI quei giorni di me.
So che cos’è la bellezza è sufficiente eccesso di velocità,
Così io, è preoccupato di essere mandato via,
così disposti a prendere, che in bellezza l’estate!
Per vedere tutto, tutto attraverso il tatto, l’olfatto e gusto
fiorisce in estate offre a tutti
Voglio che mantenere i quartieri d’inverno del
giorni e anni, per la vecchiaia.

In Paradise su una torre, sotto la manopola DIAL
Mi siederò in ore ogni giorno e piombo, e la penna
Quando sottilmente Disegnare il buio mattino, ei vostri colori
dei gradi di una grande contorsioni nel giardino di serpenti
1 e cercare di giocare senza colori glicina, e cioè
le montagne al tramonto, è chiaro come l’aria
Ma brillano come gioielli.

Poi superiore stanco Sono stanco della casa
della notte, i miei dati si trova nella cartella,
Per quanto triste, ma tutto ciò che fa per me quanto poco
Fix me, e come ho potuto partecipare.

Stesso livello di odio.
Portare a casa ad alta
balconi aperti,
Parte vecchia di una grande piazza.
Grande rettangolo nel deserto
Le panchine in pietra, evonimo e acacia
un esempio di simmetria
sfumature di nero in sabbia bianca.
Con l’apice della luna, e la torre
illuminato l’orologio pavimento.
Vo io cammino nel vecchio paese
come lo spirito.