ago 312013
 
Numero visite :25239


Er Nasone
 

Er  nasone

Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,

la faccia cor beccuccio a pennolone,

pe l’artri fontanella, sei “er Nasone”,

dijelo ar cane, che te crede ’n cesso.

 

Hai dissetato ‘n botto de persone,

sputato l’acqua, pure che ‘n eccesso,

tant’è che a ripensacce bene adesso,

“chi cacchio avrà pagato, Pantalone?!?”

 

Ma che tristezza, mo’, a sapette chiusa,

là, sola, su a l’incrocio, ‘n fonno ar viale,

manco er fioraio più, de te, se usa.

Prodiggio der progresso nazzionale,

t’hanno piombata, come ‘na reclusa,

pe’ daje spazzio a l’acqua minerale.

Stefano Agostino

Fonte:  Roma in Rima – Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

ott 072012
 
Numero visite :1799

 

Pe’ conclude ‘sta domenica ve posto ‘na poesia dell’Amico mio Sergio, pe’ fasse du’ risate ma pure pe’ riflette!!

Grazie Sergio!

Votre Ila :-)

 

Er Troll

Ce sta ‘n fregnone, che se crede fico, 
che rompe li coijoni a tutti quanti,
e persino su’ madre ner vedello
de subito penzò:” ‘mmazza che schifo”

Annò ‘n cucina pe se mette i guanti
pe’ nun toccà co ‘e mani ’sta schifezza,
(che c’ha la merda ar posto der cervello)
e lo gettò ner sacco d’a monnezza
(…e fece sentì zozzo pure quello.)

Se sarvò. Nun se sa com’è successo,
ma è certo che l’ignaro salvatore
se potesse vedè che cosa è adesso
se sentirebbe strignere ner core,
e vorrebbe gettarlo giù ner cesso.

Se diverte a scoccià le mejo donne
che c’hanno un blogghe ricco de dorcezza
e le tempesta co’ parole immonde,
sto’ sacco pieno solo de monnezza.

E spruzza la sua bile all’avvilita
blogger che innanzi a lui tace o protesta
pe’ la su’ prosa sporca e scimunita.
Lercia com’er cervello che c’ha ‘n testa.

E nun se renne conto st’infelice
che se volesse fa’ ‘na cosa bella
l’unica bella in tutta la su’ vita…
che se sparasse co’ na rivoltella!

Sergio Bertoni

http://sergioberto.blog.tiscali.it

ago 192012
 
Numero visite :3891

Bona Domenica co’ ‘sta chicca der Grande Aldo Fabrizi!

Ilari

LA ROMANELLA
Aldo Fabrizi

Mì nonna, benedetta indó riposa,
se comportava come ‘na formica
e puro si avanzava ‘na mollica
l’utilizzava per un’antra cosa.

Perciò er dovere primo d’ogni sposa,
pure che costa un’oncia de fatica,
è d’esse sempre, a la maniera antica,
risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

Si avanza un po’ de pasta, mai buttalla:
se sarta co’ un po’ d’acqua solamente,
pe’ falla abbruscolì senz’abbrucialla.

E la riuscita de ‘sta Romanella
che fa faville e che nun costa gnente
dipenne da ‘na semplice padella.

Mò l’urtima invenzione è ‘na padella,
che quello che se còce poi se stacca,
mastice, colla, pece e ceralacca,
se rivorteno come ‘na frittella.

‘Sta novità sarà ‘na cosa bella,
ma dato che la Pasta nun attacca
in pratica sarebbe ‘na patacca
perché dev’esse mezz’abbruscatella.

Vedete, er gusto nun dipenne mica
dar fatto che diventa più odorosa,
ma dar sapore de padella antica.

E detto questo, porca la miseria,
fò a meno de la chiusa spiritosa,
perché ‘sto piatto qui è ‘na cosa seria!

ago 032012
 
Numero visite :1244

 

Ninetta mia, che  callo che fa’

‘n afa così nun maa posso scordà!

Prima viè Caronte

che ce fa’ le braghe onte,

doppo Minosse

che ce secca l’osse,

Ulisse ce se mette de buzzo

che d’ar sudore puzzo.

Me pensavo che mo’

rinfrescasse un po’

e ‘nvece co ‘n corpo de mano

eccolo qua: er Dragone Aficano!!

 Ma allora ditelo, ce volete lessà

rinsecchicce tutti e facce crepà.

Ma io so’ furbo, Nì  e li frego tutti:

me tappo l’orecchie de prosciutti

così so’ contento

e ‘sti callacci nun li sento!!

E tu, bella mia viè ecco

che er callo lo stecco!

Accostamo le persiane e nell’oscurità

c’avemo ‘na cosa da gustà:

mici mici se rifamo la boccuccia

caa grattachecca daa Sora Mariuccia!!

Tiè!

er Nando

gen 062012
 
Numero visite :5130

 

 

Una Befana speciale.

Borbotta la Befana vicino ar camino:
“Quer Babbo Natale è proprio ‘n vorpino!
Lui è sempre bello tutto soridente
e io? Na vejarda senza manco un dente.
Lui cor vestito novo de panno rosso
e io? Solo i rattoppi me porto addosso!
Lui ci ha i bordi de pelo intorno ar beretto
e io? ‘No straccio vecchio de fazzoletto.
Ai piedi c’ha certi stivali, neri, de pelle
e io ? Ci ho da cent’anni ‘e stesse pianelle.
Lui va con ‘na slitta tirata da renne
e io ? co’ la scopa m’incastro all’antenne.
Lui canta “Merry Christmas” perché è americano
e io canto? Ma io manco me ricordo
più come me chiamo…
Lui è bello e fotogenico, va in televisione
e io? So’ così brutta, me ne dovrò anna’ in pensione…
Vabbè… armeno quest’anno, vojo fa’ l’urtimo giro
poi dall’anno prossimo, prometto, me ritiro.
Perché? Perché lui gioca d’anticipo
(e pperò così nun vale)
je porta li regali alla notte de Natale!
E quando ar sei gennaio ariva la Befana
quelli stanno a giocà già da na settimana.
Così che je rimane a ‘sta vecchia poveretta?
Porto ai ragazzini giusto ‘na carzetta!
Ma: er padre pensa ar dentista e carie e otturazioni,
la madre all’allergologo e all’indiggestioni,
li ragazzini poi, ci ho perso le speranze,
sai a che cosa penzano? A fini’ li compiti delle vacanze.
Ma passerò quest’anno… giusto pe’ tradizione
(e pure pe’ nun da’ ar Babbo sta bella soddisfazione!)
Vola lenta la Befana pe’ tetti e pe’ cammini
se magna noci e biscotti e se scola i bicchierini,
lascia tutte le carze sotto a ogni cammino
e mai che se dimentichi de ajio e carboncino.
Ma vede ‘n ragazzino: “ Porello, sta ancora arzato!
sta’ a scrive li compiti che nun ha completato…”
“Ah! Befana mia ce voleva proprio er rifornimento”
pija a calza de la Befana e poi tutto contento
se magna ‘na cioccolata e doppo ‘na carammella:
mo’ sì che a grammatica je pare un pò più bella!
E mentre er pupo studia e ripassa l’ortografia
je soride a Befana e zitta zitta vola via:
“Massì… macchè pensione, domani è n’antro giorno.
E sai che je dico a Babbo? Io n’antr’anno ce aritorno:
sarà pure famoso, cara “invenzione americana”
ma qui a Roma dentro ar core ce rimane la Befana!”

Simona Maiozzi
Una fantastica maestra di una Scuola Elementare romana.