ott 072012
 
Numero visite :1795

 

Pe’ conclude ‘sta domenica ve posto ‘na poesia dell’Amico mio Sergio, pe’ fasse du’ risate ma pure pe’ riflette!!

Grazie Sergio!

Votre Ila :-)

 

Er Troll

Ce sta ‘n fregnone, che se crede fico, 
che rompe li coijoni a tutti quanti,
e persino su’ madre ner vedello
de subito penzò:” ‘mmazza che schifo”

Annò ‘n cucina pe se mette i guanti
pe’ nun toccà co ‘e mani ’sta schifezza,
(che c’ha la merda ar posto der cervello)
e lo gettò ner sacco d’a monnezza
(…e fece sentì zozzo pure quello.)

Se sarvò. Nun se sa com’è successo,
ma è certo che l’ignaro salvatore
se potesse vedè che cosa è adesso
se sentirebbe strignere ner core,
e vorrebbe gettarlo giù ner cesso.

Se diverte a scoccià le mejo donne
che c’hanno un blogghe ricco de dorcezza
e le tempesta co’ parole immonde,
sto’ sacco pieno solo de monnezza.

E spruzza la sua bile all’avvilita
blogger che innanzi a lui tace o protesta
pe’ la su’ prosa sporca e scimunita.
Lercia com’er cervello che c’ha ‘n testa.

E nun se renne conto st’infelice
che se volesse fa’ ‘na cosa bella
l’unica bella in tutta la su’ vita…
che se sparasse co’ na rivoltella!

Sergio Bertoni

http://sergioberto.blog.tiscali.it

pixelstats trackingpixel

Commenta il post :-)

commenta con Facebook oppure, sotto la descrizione Autore Post, con il modulo Wordpress

Ilari

Comunque perchè Ilari. So' fjia de mamma de NYC (New York) e papi è Trasteverino de sette generazioni ... alloggiamo nell'antica Piazza Parione, mo' Piazza de Pasquino ... ve dice gnente 'sto nome??? Mi madre quando nacqui me volle chiamà Hilary come mi' zia (nun è la madre de Nenet che è friulana) ma a mi' padre l'idea che quanno me doveva da chiamà c'era sta H che je faceva partì 'no spuitacchio ogni vorta nun j'annava ggiù! Poi 'n giorno mentre leggeva 'n libbro de poesie der Carducci je capitò sott'acchio 'n verso de "Il canto dell'amore" e precisamente: "Da le vie, da le piazze gloriose, Ove, come del maggio ilare a i dì Boschi di querce e cespiti di rose, La libera de' padri arte fiorì;" e fu comme illuminato!!! c'era scritto ILARE, sicuramente ar maschile, che ar femminile diventava ILARI!!!! Tutto contento, così me poteva chiamà senza sputacchi!!! Andò all'Anagrafe e me registrò. Poi 'n seguito qualcuno je spiegò er significato de quell'ILARE che in realtà era 'n aggettivo e no un mome, ma lui rispose "si si ma co sta fjia che ride sempre c'ho preso uguale!!". Sò una tipa 'n pò stravagante e me piace mascheramme, anche se non è Carnevale ... vestitimme come li Musici der Settecento ma vado a giornate ... c' esco pure così tanto ormai qui nessuno ce fà più caso ...

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>