ago 282012
 
Numero visite :1740

Grande Elio!!!
:-)

Fossi figo frequenterei il locale giusto,
fossi figo conoscerei la gente giusta
fossi figo indosserei vestiti trendy,
certe volte son dei capi orrendi
che a nessuno li rivendi.

[Morandi ]Fossi figo tutti i giorni sarei in palestra
fossi figo starei ignudo alla finestra
fossi figo sarei il principe dell’adduttore,
sarei il re dell’addominale,
sarei il re della finestra,
ammirerebbero i miei capelli,
si, sono finti ma comunque sono molto belli,
[elio] quelli veri son volati via col vento
e anche la foto sul documento
non mi rassomiglia più.
Capelli, capelli sono andati via
e non torneranno mai,
in piazza li rimpiazzo
con un prodigio della tecnica
frutto di ricerche e sperimentazioni
che ci aiutano nel look.

Fossi figo guiderei una grande jeep
fino in disco, attesissimo in zona V.I.P.
il mio nome sarebbe sempre incluso nella lista
non dico proprio il primo della lista
ma neanche l’ultimo degli stronzi.

Cubista, cubista
come balli tu
io non ho ballato mai
ti guardo, tu mi guardi
e si scatena nel mio corpo
quella strana sensazione
che noi giovani chiamiamo…
[parola in giapponese..che significa "cazzo duro"]

[Cori] Forse non sono figo, forse no,
ma sono bello dentro,
Voi stranamente mi vivete come un solitario
ma a me piace stare con la gente.
Io, per piacervi,
mi epilerei per tutto il santo giorno
come le balle di un attore porno.

[Parlato] Ma guardi, per me non c’è una ra…se ci, se ci…se c’era la pena di morte, da darla a quelli che vanno in giro a fare fare..lasciamo..cioè…per non usare le robe volgari..a fare i bisognini per terra…che uno esce che ha lavorato tutto il giorno….che è in giro a far ballare i piedi…e si trova lì e si trova il regalino del signor tal dei tali del lante della rovere del…del savoia che gà il cagnulin e io ciacchete che entro negli escrementi..scusate perchè le cose van dette….negli escrementi!

ago 192012
 
Numero visite :3884

Bona Domenica co’ ‘sta chicca der Grande Aldo Fabrizi!

Ilari

LA ROMANELLA
Aldo Fabrizi

Mì nonna, benedetta indó riposa,
se comportava come ‘na formica
e puro si avanzava ‘na mollica
l’utilizzava per un’antra cosa.

Perciò er dovere primo d’ogni sposa,
pure che costa un’oncia de fatica,
è d’esse sempre, a la maniera antica,
risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

Si avanza un po’ de pasta, mai buttalla:
se sarta co’ un po’ d’acqua solamente,
pe’ falla abbruscolì senz’abbrucialla.

E la riuscita de ‘sta Romanella
che fa faville e che nun costa gnente
dipenne da ‘na semplice padella.

Mò l’urtima invenzione è ‘na padella,
che quello che se còce poi se stacca,
mastice, colla, pece e ceralacca,
se rivorteno come ‘na frittella.

‘Sta novità sarà ‘na cosa bella,
ma dato che la Pasta nun attacca
in pratica sarebbe ‘na patacca
perché dev’esse mezz’abbruscatella.

Vedete, er gusto nun dipenne mica
dar fatto che diventa più odorosa,
ma dar sapore de padella antica.

E detto questo, porca la miseria,
fò a meno de la chiusa spiritosa,
perché ‘sto piatto qui è ‘na cosa seria!

ago 032012
 
Numero visite :1235

 

Ninetta mia, che  callo che fa’

‘n afa così nun maa posso scordà!

Prima viè Caronte

che ce fa’ le braghe onte,

doppo Minosse

che ce secca l’osse,

Ulisse ce se mette de buzzo

che d’ar sudore puzzo.

Me pensavo che mo’

rinfrescasse un po’

e ‘nvece co ‘n corpo de mano

eccolo qua: er Dragone Aficano!!

 Ma allora ditelo, ce volete lessà

rinsecchicce tutti e facce crepà.

Ma io so’ furbo, Nì  e li frego tutti:

me tappo l’orecchie de prosciutti

così so’ contento

e ‘sti callacci nun li sento!!

E tu, bella mia viè ecco

che er callo lo stecco!

Accostamo le persiane e nell’oscurità

c’avemo ‘na cosa da gustà:

mici mici se rifamo la boccuccia

caa grattachecca daa Sora Mariuccia!!

Tiè!

er Nando