gen 062012
 
Numero visite :5114

 

 

Una Befana speciale.

Borbotta la Befana vicino ar camino:
“Quer Babbo Natale è proprio ‘n vorpino!
Lui è sempre bello tutto soridente
e io? Na vejarda senza manco un dente.
Lui cor vestito novo de panno rosso
e io? Solo i rattoppi me porto addosso!
Lui ci ha i bordi de pelo intorno ar beretto
e io? ‘No straccio vecchio de fazzoletto.
Ai piedi c’ha certi stivali, neri, de pelle
e io ? Ci ho da cent’anni ‘e stesse pianelle.
Lui va con ‘na slitta tirata da renne
e io ? co’ la scopa m’incastro all’antenne.
Lui canta “Merry Christmas” perché è americano
e io canto? Ma io manco me ricordo
più come me chiamo…
Lui è bello e fotogenico, va in televisione
e io? So’ così brutta, me ne dovrò anna’ in pensione…
Vabbè… armeno quest’anno, vojo fa’ l’urtimo giro
poi dall’anno prossimo, prometto, me ritiro.
Perché? Perché lui gioca d’anticipo
(e pperò così nun vale)
je porta li regali alla notte de Natale!
E quando ar sei gennaio ariva la Befana
quelli stanno a giocà già da na settimana.
Così che je rimane a ‘sta vecchia poveretta?
Porto ai ragazzini giusto ‘na carzetta!
Ma: er padre pensa ar dentista e carie e otturazioni,
la madre all’allergologo e all’indiggestioni,
li ragazzini poi, ci ho perso le speranze,
sai a che cosa penzano? A fini’ li compiti delle vacanze.
Ma passerò quest’anno… giusto pe’ tradizione
(e pure pe’ nun da’ ar Babbo sta bella soddisfazione!)
Vola lenta la Befana pe’ tetti e pe’ cammini
se magna noci e biscotti e se scola i bicchierini,
lascia tutte le carze sotto a ogni cammino
e mai che se dimentichi de ajio e carboncino.
Ma vede ‘n ragazzino: “ Porello, sta ancora arzato!
sta’ a scrive li compiti che nun ha completato…”
“Ah! Befana mia ce voleva proprio er rifornimento”
pija a calza de la Befana e poi tutto contento
se magna ‘na cioccolata e doppo ‘na carammella:
mo’ sì che a grammatica je pare un pò più bella!
E mentre er pupo studia e ripassa l’ortografia
je soride a Befana e zitta zitta vola via:
“Massì… macchè pensione, domani è n’antro giorno.
E sai che je dico a Babbo? Io n’antr’anno ce aritorno:
sarà pure famoso, cara “invenzione americana”
ma qui a Roma dentro ar core ce rimane la Befana!”

Simona Maiozzi
Una fantastica maestra di una Scuola Elementare romana.

pixelstats trackingpixel

Commenta il post :-)

commenta con Facebook oppure, sotto la descrizione Autore Post, con il modulo Wordpress

Ilari

Comunque perchè Ilari. So' fjia de mamma de NYC (New York) e papi è Trasteverino de sette generazioni ... alloggiamo nell'antica Piazza Parione, mo' Piazza de Pasquino ... ve dice gnente 'sto nome??? Mi madre quando nacqui me volle chiamà Hilary come mi' zia (nun è la madre de Nenet che è friulana) ma a mi' padre l'idea che quanno me doveva da chiamà c'era sta H che je faceva partì 'no spuitacchio ogni vorta nun j'annava ggiù! Poi 'n giorno mentre leggeva 'n libbro de poesie der Carducci je capitò sott'acchio 'n verso de "Il canto dell'amore" e precisamente: "Da le vie, da le piazze gloriose, Ove, come del maggio ilare a i dì Boschi di querce e cespiti di rose, La libera de' padri arte fiorì;" e fu comme illuminato!!! c'era scritto ILARE, sicuramente ar maschile, che ar femminile diventava ILARI!!!! Tutto contento, così me poteva chiamà senza sputacchi!!! Andò all'Anagrafe e me registrò. Poi 'n seguito qualcuno je spiegò er significato de quell'ILARE che in realtà era 'n aggettivo e no un mome, ma lui rispose "si si ma co sta fjia che ride sempre c'ho preso uguale!!". Sò una tipa 'n pò stravagante e me piace mascheramme, anche se non è Carnevale ... vestitimme come li Musici der Settecento ma vado a giornate ... c' esco pure così tanto ormai qui nessuno ce fà più caso ...

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>