set 242011
 
Numero visite :973


Filippo guardava malinconico attraverso la finestra ,mentre suo padre Giacomo stava con pazienza pulendo le sue pipe.
“Però,uffa – fece il regazzino – Me dovete dì che senso c’ha che m’avete portato ‘n vacanza e nun me posso fà er bagno ar mare.Ecco!”
Giacomo mise da parte una pipa, “Bello de papà – cominciò a rispondere – Er fatto è che….”
“Sì,sì,er fatto è che c’avete sempre ‘a scusa pronta. Te e mamma ‘a sapete lunga.
Però ‘ntanto so’ io che nun me posso fa’ er bagno come tutti l’amichi mii!”
“Vedi,bbello de papà,a vorte ce so’ certe situazzioni che…’nzomma ,bisogna esse comprensivi…”
“Sempre io,sempre io devo da capì. Ho studiato tutto l’anno e m’avete sempre detto che si me promoveveno me portavate a fa’ ‘na bella vacanza.
Be’,che ce sto a fa’ ‘n vacanza si nun posso annà su ‘a spiaggia come fanno tutti l’amichi mii?”
“E’ proprio perchè hai studiato – tentò di replicare il padre – che dovresti capire che se uno…”
“Uno,e uno, e ancora uno.Quell’uno so’ sempre io – esclamò Filippo più spazientito che mai – Sto quà come ‘n salame a guardà dalla finestra. E poi che faccio? Gnente de gnente, manco ‘n ber tuffo come Cristo comanna”.
“Allora – tentò di nuovo Giacomo – mo’ devi prova’ a raggiona’, perchè sei sempre stato ‘n regazzino ‘ntelligente.Nun poi continua’ a ‘nsiste fino a ‘sto punto perchè…”
” E ‘nvece ‘nsisto sì! So’ stato sette mesi su li libbri. Storia, latino,matematica,’nglese. a studia’come ‘no scemo, e poi ecchime ‘n vacanza senza pote’ scenne sulla spiaggia”
“Ao’ – fece infine il padre – e allora già che c’eri potevi studia’ bbene pure ‘a geografia. Così lo sapevi che quà a VERCELLI ER MARE NUN CE STA!”

Fonte: Il Messaggero

pixelstats trackingpixel

Commenta il post :-)

commenta con Facebook oppure, sotto la descrizione Autore Post, con il modulo Wordpress

Ilari

Comunque perchè Ilari. So' fjia de mamma de NYC (New York) e papi è Trasteverino de sette generazioni ... alloggiamo nell'antica Piazza Parione, mo' Piazza de Pasquino ... ve dice gnente 'sto nome??? Mi madre quando nacqui me volle chiamà Hilary come mi' zia (nun è la madre de Nenet che è friulana) ma a mi' padre l'idea che quanno me doveva da chiamà c'era sta H che je faceva partì 'no spuitacchio ogni vorta nun j'annava ggiù! Poi 'n giorno mentre leggeva 'n libbro de poesie der Carducci je capitò sott'acchio 'n verso de "Il canto dell'amore" e precisamente: "Da le vie, da le piazze gloriose, Ove, come del maggio ilare a i dì Boschi di querce e cespiti di rose, La libera de' padri arte fiorì;" e fu comme illuminato!!! c'era scritto ILARE, sicuramente ar maschile, che ar femminile diventava ILARI!!!! Tutto contento, così me poteva chiamà senza sputacchi!!! Andò all'Anagrafe e me registrò. Poi 'n seguito qualcuno je spiegò er significato de quell'ILARE che in realtà era 'n aggettivo e no un mome, ma lui rispose "si si ma co sta fjia che ride sempre c'ho preso uguale!!". Sò una tipa 'n pò stravagante e me piace mascheramme, anche se non è Carnevale ... vestitimme come li Musici der Settecento ma vado a giornate ... c' esco pure così tanto ormai qui nessuno ce fà più caso ...
 Posted by at 15:52

 Leave a Reply

(required)

(required)


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>